Proclamati i vincitori del festival I Teatri del Sacro 2017

  • Sumo

Quattordici spettacoli in prima nazionale assoluta e un progetto speciale animeranno le vie, i teatri, le chiese di Ascoli Piceno dal 5 all’11 giugno per la quinta edizione del Festival I TEATRI DEL SACRO.

Tra i vincitori: Le Belle Bandiere di Elena Bucci e Marco Sgrosso con un lavoro sul Paradiso Perduto di Milton, la compagnia di danza Abbondanza/Bertoni con un’affascinante coreografia ispirata alla figura dell’Arcangelo Gabriele, Maurizio Donadoni alle prese col Secretum di Petrarca, le giovani compagnie Maniaci d’Amore e Vuccirìa Teatro in scena con due sorprendenti drammaturgie originali e Giovanni Scifoni, in un divertente monologo sull’amore e il sesso.

A completare l’elenco delle compagnie in scena a giugno: I primi cinquant’anni di Walter Leonardi, il rito dell’ “affruntata” raccontato da Laura Magni, Roberto Anglisani con un testo su Giobbe a firma di Francesco Niccolini, la “fidelity card” miracolosa di Nella Tirante, la musica del Piccolo canto di resurrezione di Musicali si cresce, L’Angelo caduto tra i burattini di Erbamatta, il Martin Lutero della compagnia Il ServoMuto e la danza leggera e poetica di Twain con Little Something.

Premiato come progetto speciale La festa d’ognissanti della compagnia Malalingua: uno spettacolo itinerante che con ironia condurrà gli spettatori in un viaggio nei secoli tra santi, martiri e miracoli.

Appuntamento ad Ascoli Piceno dal 5 all’11 giugno 2017 con I Teatri del Sacro, un’iniziativa di Federgat in collaborazione con ACEC, Fondazione Comunicazione e Cultura, Ufficio nazionale per le Comunicazioni Sociali della CEI, con il sostegno del Mibact.

 SPETTACOLI VINCITORI DE I TEATRI DEL SACRO 2017  

 Fidelity Card (cosa sono le nuvole)
Il paradiso perduto e ritrovato (Le Belle Bandiere)
Il desiderio segreto dei fossili (Maniaci d’Amore)
Piccolo canto di resurrezione (A.C. Musicali si cresce)
Giobbe (Teatro d’Aosta)
L’angelo (Erbamatta)
Secretum (Mimo Danza Alternativa)
Cosa buona (Engage)
Immacolata concezione (Vuccirìa Teatro)
I miei primi cinquant’anni (Buster)
Happy Mary (Negrimusic)
Non un’opera buona (Il ServoMuto)
Little Something (Twain)
Gabriel (Abbondanza/Bertoni)

Progetto speciale:   La festa d’ognissanti (Malalingua)


Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.